Smalto in gravidanza

Smalto in gravidanza

Un dubbio comune tra le donne che affrontano una gravidanza è: posso continuare ad usare lo smalto su unghie di mani e piedi? E l'acetone, può causare danni al feto?
Ci sono diverse scuole di pensiero purtroppo perchè trattandosi di prodotti chimici e potenzialmente cancerogeni non ci sono studi precisi sui loro effetti nel lungo periodo. Quindi alcuni ginecologi li sconsigliano completamente mentre altri sono più accondiscendenti.
La realtà è che la maggior parte degli smalti in commercio sono fatti con sostanze chimiche e per garantire una miglior resa contengono due prodotti cancerogeni: la formaldeide e il toluene.
Folmaldeide
La Formaldeide è una molecola che viene usata per consentire allo smalto di asciugarsi velocemente. Per intenderci la forma solida a cui siamo più abituati a vederla è la formalina ed infatti è per causo sua che lo smalto, ma anche altri elementi come le vernici o i disinfettanti hanno quell'odore caratteristico che impregna le narici.
Per il suo elevato impiego nella produzione di manufatti, rivestimenti e schiume isolanti, la formaldeide è uno dei maggiori inquinanti da interni ed è stato provato scientificamente che un'elevato contatto con questo elemento può comportare un tasso di incidenza del cancro a naso e gola superiore alla media.
Toluene
Il Toluene viene invece aggiunto agli smalti per consentire una miglior stesa del prodotto sull'unghia. Viene principalmente utilizzato nelle benzine ed è facilmente infiammabile. Così come la formaldeide, il toluene, se inspirato, può irritare gli occhi, la gola e i polmoni.

Altre sostanze potenzialmente pericolose per la salute di un bebè sono la tartrazina, il DBP e lo xilene.
Ovviamente la comunità europea regolamenta l'utilizzo di queste sostanze nei prodotti in commercio quindi se non vogliamo rinunciare allo smalto accertiamoci almeno che sia stato prodotto secondo le norme CEE.
Queste sostanze diventano davvero pericolose solo se si passa molto tempo in contatto con loro, quindi possono essere pericolose per chi lavora in un'istituto di bellezza ma se durante la gravidanza ci si vuole mettere lo smalto una volta al mese non ci sono controindicazioni.
E gli acetoni? L'acetone è un solvente che è presente in minima quantità anche naturalmente nel nostro corpo e nell'ambiente. Se usato in piccole quantità non provoca quindi nessun danno nè a noi nè al feto.

Riepilogando quindi per evitare rischi ai nostri bebè possiamo:

  • usare smalti che contengono formaldeide e toluene non più di due volte al mese
  • evitare di inalare gli smalti e areare i locali prima e dopo averlo messo
  • usare solventi anche con acetoni ma non abusarne e lavarci sempre bene le mani dopo averli utilizzati
  • acquistare smalti senza folrmaldeide e toluene (oltre 18 case produttrici hanno acconsentito a scrivere sulle confezioni i componenti dei loro smalti). Oggi ce ne sono molti in commercio (non solo in farmacia) e rientrano in quelli che vengono chiamati anche smalti biologici o smalti eco-friendly.

like
tweet
plus
pin